top of page

Partendo da un'anamnesi medica dettagliata, la visita B.T.M. consiste nell’osservazione, del paziente, in dodici punti corrispondenti nelle maggiori articolazioni dell’apparato osteoarticolare; di fatto si apre un nuovo interessante aspetto terapeutico per il paziente la cui innovazione si concretizza nella terapia “su misura” abbracciando sia la causa che l’effetto del disturbo, deficit o patologia.
 

press to zoom

press to zoom

press to zoom

press to zoom
1/9

Si procede, in prima istanza, all’analisi del paziente attraverso punti di repere sul corpo, ovvero dodici, sei per ogni emilato; per tanto fatta salva l’anamnesi si procede alla “riscrittura biomeccanica” mediante l’utilizzo del Kinesiotape applicato sull’organo pelle. In questo modo si ottiene l’immediato percettibile ripristino della condizione posturale biomeccanica internistica con un’approssimazione realistica dell’85% di successo terapeutico. La scelta di adottare questa nuova metodologia di indagine-terapeutica pone il paziente nella condizione di riacquisire la massima autonomia di lavoro muscolo-scheletrico-tendineo-legamentoso restituendo oltre che un benessere fisico anche una migliore qualità di vita.